Home » News » Il bilancio delle comunali: siamo tornati in sintonia con il paese.

Il bilancio delle comunali: siamo tornati in sintonia con il paese.

Repost Enrico Letta

Care democratiche, cari democratici,vi scrivo prima di tutto per ringraziarvi di cuore per la fiducia dimostrata al Partito Democratico – che da marzo sono stato chiamato a guidare – al primo turno delle amministrative.Abbiamo vinto in grandi città come Milano, Bologna e Napoli. Abbiamo vinto anche alle suppletive nel collegio Toscana 12 e a Primavalle. Abbiamo perso in Calabria, in una difficilissima sfida che la nostra candidata, la prof.ssa Amalia Bruni, ha affrontato con grande generosità e determinazione.

Vittorie per noi tutti importanti perché dimostrano che siamo tornati in sintonia con il Paese, dal Nord al Centro, fino al Sud. Un risultato confermato anche dai dati di tutti i grandi comuni e molto diverso da quello di cinque anni fa, quando al primo turno non ottenemmo neanche una vittoria. Sconfitte che non ci fermeranno, su cui dobbiamo ragionare e lavorare sodo, da subito, per ripartire.

Abbiamo scelto di privilegiare l’unità: nel Partito Democratico come nel centrosinistra e, poi, nel Paese. Abbiamo dimostrato che le destre si possono battere: si vince se si allarga la coalizione e si portano avanti proposte concrete, offrendo ai cittadini soluzioni e candidati credibili. Abbiamo reso possibile una vittoria del centrosinistra e del PD che di fatto rafforza l’Italia intera, perché rafforza il governo Draghi.

In queste settimane ci siamo riappropriati di due parole, “sicurezza” e “libertà”, che sembravano da anni appannaggio delle destre. Con la posizione ferma su riaperture e Green Pass, abbiamo dimostrato che c’è in Italia un centrosinistra responsabile e adulto, in grado di governare meglio di chi preferisce strizzare l’occhio ai novax.

𝗜 𝗯𝗮𝗹𝗹𝗼𝘁𝘁𝗮𝗴𝗴𝗶 𝗱𝗶 𝗱𝗼𝗺𝗲𝗻𝗶𝗰𝗮 𝟭𝟳 𝗲 𝗹𝘂𝗻𝗲𝗱𝗶̀ 𝟭𝟴 𝗼𝘁𝘁𝗼𝗯𝗿𝗲, 𝗮 𝗥𝗼𝗺𝗮, 𝗧𝗼𝗿𝗶𝗻𝗼, 𝗧𝗿𝗶𝗲𝘀𝘁𝗲 𝗲 𝗻𝗲𝗴𝗹𝗶 𝗮𝗹𝘁𝗿𝗶 𝗖𝗼𝗺𝘂𝗻𝗶, 𝘀𝗮𝗿𝗮𝗻𝗻𝗼 𝘂𝗻𝗮 𝗽𝗮𝗿𝘁𝗶𝘁𝗮 𝗻𝘂𝗼𝘃𝗮: 𝗻𝗼𝗶 𝗮𝗺𝗽𝗹𝗶𝗲𝗿𝗲𝗺𝗼 𝗮𝗻𝗰𝗼𝗿𝗮 𝗶𝗹 𝗰𝗮𝗺𝗽𝗼 𝗲 𝘀𝗼𝗻𝗼 𝗰𝗲𝗿𝘁𝗼 𝘃𝗶𝗻𝗰𝗲𝗿𝗲𝗺𝗼 𝗮𝗳𝗳𝗶𝗱𝗮𝗻𝗱𝗼𝗰𝗶 𝗮𝗴𝗹𝗶 𝗲𝗹𝗲𝘁𝘁𝗼𝗿𝗶.

Gli chiederemo di fare una scelta chiara, rivolgendoci innanzitutto alle liste a noi più vicine. Il mio compito ora è persuadere che stare insieme è l’unico modo per vincere oggi i ballottaggi e domani le elezioni.

𝗟’𝗶𝗺𝗽𝗲𝗴𝗻𝗼 𝗰𝗵𝗲 𝗵𝗼 𝗮𝘀𝘀𝘂𝗻𝘁𝗼 𝗱𝗮𝗹 𝗽𝗿𝗶𝗺𝗼 𝗴𝗶𝗼𝗿𝗻𝗼 𝗱𝗮 𝗦𝗲𝗴𝗿𝗲𝘁𝗮𝗿𝗶𝗼 𝗲̀ 𝗱𝗶𝗺𝗼𝘀𝘁𝗿𝗮𝗿𝗲 𝗰𝗵𝗲 𝗻𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗻𝗼𝘀𝘁𝗿𝗮 𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗻𝗼𝗻 𝗲𝘀𝗶𝘀𝘁𝗲 𝗰𝗼𝗻𝘁𝗿𝗮𝗽𝗽𝗼𝘀𝗶𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝘁𝗿𝗮 𝗱𝗶𝗿𝗶𝘁𝘁𝗶 𝘀𝗼𝗰𝗶𝗮𝗹𝗶 𝗲 𝗱𝗶𝗿𝗶𝘁𝘁𝗶 𝗰𝗶𝘃𝗶𝗹𝗶: 𝗹𝗮 𝗽𝗲𝗿𝘀𝗼𝗻𝗮 𝗲̀ 𝘂𝗻𝗮 𝗲 𝘀𝗶 𝗿𝗲𝗮𝗹𝗶𝘇𝘇𝗮 𝗻𝗲𝗹 𝗹𝗮𝘃𝗼𝗿𝗼 𝗰𝗼𝗺𝗲 𝗻𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗽𝗿𝗼𝗽𝗿𝗶𝗮 𝗶𝗱𝗲𝗻𝘁𝗶𝘁𝗮̀.

Siamo tornati in sintonia con l’Italia, ma non è sufficiente. Dobbiamo avere la responsabilità e la consapevolezza del fatto che i problemi emergeranno di nuovo e il PD ci sarà, tenendo insieme diritti, lavoro e rispetto per l’ambiente. Per questo abbiamo voluto riprendere, subito dopo il voto, gli incontri con le parti sociali in vista della prossima Legge di Bilancio. Il dialogo è fondamentale e abbiamo incontrato i sindacati, le piccole e medie imprese e le associazioni per presentare le nostre priorità e ascoltare i loro suggerimenti. https://www.partitodemocratico.it/…/legge-di-bilancio…/.

𝗣𝗲𝗿 𝗶𝗹 𝗣𝗗 𝘀𝗼𝗻𝗼 𝗳𝗼𝗻𝗱𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗮𝗹𝗶 𝗴𝗹𝗶 𝗶𝗻𝘃𝗲𝘀𝘁𝗶𝗺𝗲𝗻𝘁𝗶 𝗶𝗻 𝘀𝗮𝗹𝘂𝘁𝗲, 𝗶𝘀𝘁𝗿𝘂𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗲 𝗶𝗹 𝘁𝗮𝗴𝗹𝗶𝗼 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗲 𝘁𝗮𝘀𝘀𝗲 𝘀𝘂𝗹 𝗹𝗮𝘃𝗼𝗿𝗼, 𝗰𝗼𝘀𝗶̀ 𝗱𝗮 𝗰𝗿𝗲𝗮𝗿𝗲 𝗽𝗶𝘂̀ 𝗼𝗰𝗰𝘂𝗽𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲.

Non a caso sono tra i temi più dibattuti nelle Agorà Democratiche, che hanno preso il via il primo settembre. Vi stanno prendendo parte migliaia di persone ma continuerò a invitare tutti quelli che incontro a iscriversi alla piattaforma https://decidim.agorademocratiche.it/users/sign_up), fatelo anche voi. Ve lo chiedo perché sono il modo con cui vogliamo rinvigorire la partecipazione, perché quando la democrazia è in crisi alla fine paghiamo tutti.

𝗚𝗿𝗮𝘇𝗶𝗲 𝗮𝗻𝗰𝗼𝗿𝗮 𝗽𝗲𝗿 𝗶𝗹 𝘃𝗼𝘀𝘁𝗿𝗼 𝘀𝘂𝗽𝗽𝗼𝗿𝘁𝗼, 𝗶𝗻 𝗾𝘂𝗲𝘀𝘁𝗶 𝗺𝗲𝘀𝗶 𝗲̀ 𝘀𝘁𝗮𝘁𝗼 𝗳𝗼𝗻𝗱𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗮𝗹𝗲. 𝗢𝗿𝗮 𝘀𝗼𝘀𝘁𝗲𝗻𝗶𝗮𝗺𝗼 𝘁𝘂𝘁𝘁𝗶 𝗶𝗻𝘀𝗶𝗲𝗺𝗲 𝗶 𝗻𝗼𝘀𝘁𝗿𝗶 𝗰𝗮𝗻𝗱𝗶𝗱𝗮𝘁𝗶 𝗮𝗶 𝗯𝗮𝗹𝗹𝗼𝘁𝘁𝗮𝗴𝗴𝗶. 𝗔𝗻𝗱𝗶𝗮𝗺𝗼 𝗮 𝘃𝗶𝗻𝗰𝗲𝗿𝗲, 𝗳𝗮𝗰𝗰𝗶𝗮𝗺𝗼𝗹𝗼 𝗰𝗼𝗻 #𝗶𝗺𝗽𝗲𝗴𝗻𝗼𝗲𝗽𝗮𝘀𝘀𝗶𝗼𝗻𝗲!