Ruscelli: “Dobbiamo riuscire a passare prima possibile dall’arancione al giallo senza passi indietro”

Vaccinazione di massa, sostegni a imprese e famiglie e programmazione del post emergenza

La Toscana da lunedì è tornata in zona arancione. E siamo ad un bivio: dobbiamo arrivare alla zona gialla prima possibile non dando per scontato che la rossa non sia più un rischio. Occorrono due azioni: la prima è sanitaria ed organizzativa, la seconda economica. Arezzo, la Toscana e il paese devono riaprire certamente il prima possibile ma in sicurezza e in modo irreversibile. La politica dell’elastico crea danni soprattutto economici perché rende impossibile qualsiasi programmazione.

Il primo obiettivo di natura sanitaria è quindi la vaccinazione di massa. Su questo fronte rilevo che nelle ultime due settimane stiamo assistendo ad un significativo avanzamento della campagna di vaccinazione nella nostra Regione grazie al superamento di alcune criticità che rendono ora necessario ripensare un modello più legato ai territori. Il secondo ma contemporaneo obiettivo è il sostegno alle imprese, al lavoro e alle professioni. E qui Governo, Regione e Comuni devono operare d’intesa.

Il Governo, in particolare, deve mettere in atto una nuova tornata di ristori per imprese e partite IVA, con aiuti maggiori per le attività chiuse o limitate per legge. Le imprese siano compensate su affitti, bollette, tasse comunali e altri costi fissi. Si pensi anche alla liquidità con la proroga a fine anno della moratoria sui prestiti, allungamento da 6 a 15 anni della tempistica di restituzione dei prestiti garantiti dallo Stato. Infine aiuti per le famiglie con congedi parentali, voucher baby sitter.

Punto centrale e ineludibile è, infine, la programmazione del post emergenza da un punto di vista socio economico. Anche su questo fronte non solo il Governo ma anche le regioni e i territori dovranno fare la loro parte ed anche il partito democratico farà la sua. Proprio quest’ultimo aspetto sarà la nostra prossima collettiva grande sfida.

Fonte: www.arezzoweb.it